Instameet a Bova nella Domenica delle Palme!!! Domenica 9 Aprile 2017

Domenica 9 Aprile Kalabria Experience con la fattiva collaborazione di @IGreggiocalabria e @IG_Calabria organizzano un Instameet a Bova (Chòra Tù Vùa) in occasione della tradizionale festa delle palme che si celebra in questo borgo con un rito antichissimo e davvero suggestivo.

L’occasione sarà per tutti gli Instagrames e appassionati della fotografia e della condivisione sui social di vivere uno dei borghi più belli d’italia in una delle vesti più caratteristiche dell’anno “La processione delle Pupazze o Persephoni” chiamate così per esprimere il senso estetico di questi ulivi e foglie di palma intrecciate a mo di figure antropomorfe che vengono all’estite per la tradizionale benedizione sul sagrato della Chiesa di San Leo.

CENNI STORICI:

Ogni anno, la Domenica delle Palme, a Bova-Chora (RC), i fedeli celebrano un rito unico e suggestivo, sconosciuto in altre parti della Calabria.
L’usanza si manifesta come un momento di collettiva sacralità popolare e consiste nel portare in processione fino al santuario di San Leo, principale chiesa di Bova, delle grandi figure femminili costruite con foglie di ulivo. I contadini, intrecciando con maestria e pazienza le foglie intorno ad un asse di canna, strutturano tali figure, dette “pupazze”. Al termine di un laborioso procedimento di assemblaggio, le pupazze, differenziabili per dimensioni in madri e figlie, sono “vestite” cioè, abbellite ed adornate con fantasia con fiori freschi di campo e arricchite ed ingioiellate con frutta fresca e primizie.

Lo spettacolo offerto dalla processione delle “statue vegetali”, nell’attraversare le strette e tortuose vie di Bova, è una elegante e gioiosa sfilata di forme e colori. Dopo la benedizione, le “sculture”, portate fuori dalla chiesa, sono avvicinate dalla gente ed in parte smembrate delle loro componenti, le “steddhi”, che vengono distribuite tra gli astanti. Alcuni collocano almeno una “steddha” su un albero del proprio podere, dove rimarrà per tutto l’anno come segno di benedizione e a testimonianza dell’intimo rapporto sacro che unisce uomo e creato, altri fissano le trecce di ulivo sulla parete della camera da letto, altri sull’anta della cristalliera, assieme alle immagini dei santi e alle foto dei propri familiari. Infine, c’è chi utilizza le foglie benedette per “sfumicari”, cioè togliere il malocchio dalla casa, compresi i suoi abitanti.

(Fonte: Bruno Tralcò)

 

NON RESTA CHE INVITARVI TUTTI A QUESTA MANIFESTAZIONE UNICA NEL SUO GENERE!!!

 

PROGRAMMA:

08:45 Incontro/raduno dei partecipanti presso Stadio Comunale di Bova Marina

09:20 Arrivo a Bova (parcheggio auto)

09:30 Raduno delle Palme presso Museo di Gerard Rholfs a seguire la processione delle palme fino in cattedrale

10:30 Santa Messa in cattedrale (facoltativa) E visita nell’area del Castello di Bova con vista a 360°

12:00 Raduno in piazza Roma delle Palme con degustazione prodotti tipici (offerta libera)

13:00 Pranzo Libero (a cura dei partecipanti) possibilità di gustare la famosa Lestopitta di Bova presso i caratteristici locali del centro storico.

14:30 Raduno partecipanti presso Piazza Roma (passeggiata nel borgo con curiosità, scorci e panorami suggestivi)

ore 16:00 Saluti e Rientro

(Invitiamo tutti coloro che condivideranno con noi questa giornata a visitare la Mostra FOTOGRAFICA ITINERANTE di Kalabria Experience ospite nei locali del Circolo Culturale Meli di Melito Porto Salvo C.so Garibaldi)

 

LA PARTECIPAZIONE A QUESTO INSTASMEET E’ GRATUITA ED APERTA A TUTTI!

E’ necessario dare la propria adesione entro e on oltre Venerdì 7 Aprile al numero di telefono: 347-0844564 Fornendo i propri nominativi (Nome e Cognome)

 

N.B.

Consigliamo per la propria comodita’ personale di indossare calzature comode e sportive (percorsi su vicoli con gradini e scale,  inoltre anche un abbigliamento idoneo per le temperature del periodo (Bova di trova a 900mt sul livello del Mare).

 

 

 

Precedente Escursione Naturalistica Culturale a Precacore e Sant'Agata del Bianco Successivo Escursione alle Rocche di Prastarà (Montebello Jonico)