Escursione ai Calanchi di Maro Simone (area S.I.C.) e Monte Cappelli (Melito Porto Salvo)

L’associazione Kronos Arte in collaborazione con Kalabria Experience e con il Patrocinio morale del Comune di Melito Porto Salvo, sono lieti di proporvi questa sensazionale escursione legata al progetto #CamminaMelito alla scoperta di un sito incredibile nei dintorni di Melito Porto Salvo!

Domenica 22 Settembre organizza un fantastico trekking alla scoperta dei “CALANCHI DI MARO SIMONE E MONTE CAPPELLI” un luogo straordinario per geologia, archeologia e paesaggi, dalla flora rara e dalle molteplici specie che caratterizzano questo territorio fra i più a sud Italia!

DESCRIZIONE:

Il percorso proposto ha come obiettivo la riscoperta del territorio collinare melitese dal punto di vista naturalistico e storico, mediante il tragitto che partendo dalla località Marosimone, sito SIC che perimetra una vasta area di 60,00 ettari interessata da un’ intensa erosione che ne ha determinato la tipica morfologia a calanchi, giungerà fino al Monte Cappelli (325 m. s.l.m.), dal quale si potrà godere della straordinaria vista della costa ionica melitese dominata dalla presenza costante dell’Etna lungo lo Stretto di Messina, della rocca di Pentidattilo e di Santa Lena, del paesaggio che caratterizza l’impluvio della fiumara di Melito verso est e in cui il nostro sguardo potrà spaziare sino a Monte Scafi, Bova e il relativo Capo San Giovanni.

ITINERARIO:

Il tragitto partirà dalla località Maro Simone, alle spalle dell’odierno campo sportivo melitese e attraverserà parte del territorio che perimetra l’omonimo S.I.C. caratterizzato da una copertura vegetale costituita da lembi di macchia mediterranea intervallata lungo i calanchi e i pendii argillosi da una vegetazione di tipo steppico, all’interno della quale sono state segnalate due specie di rettili d’interesse conservazionistico quali la Podarcis sicula e la Hierophis viridiflavus, mentre tra le specie floristiche, sono state classificate alcune specie da proteggere quali la Fagonia cretica e la Piantaggine Calabrese.

Attraversando campi sterminati di “Sulla” che in questo periodo è in piena fioritura, oliveti e campi delimitati da muretti a secco, si giungerà al Monte Cappelli, punto trigonometrico istituito dal Catasto all’epoca della costituzione delle mappe catastali. Da qui sarà possibile godere di una vista a 360° del territorio che ci circonda.Secondo la tradizione orale il Monte Cappelli ha rappresentato per la popolazione melitese in tempo di guerra, il sito ove proteggersi dai bombardamenti aerei durante la Seconda Guerra Mondiale;infatti,sulla sommità dello stesso monte, all’ interno di un anfratto roccioso, chiamato in dialetto “u bucu” dalla gente del posto, era stato predisposto un rifugio rudimentale pronto ad accogliere parte della popolazione melitese in pericolo.

In prossimità di Cappelli,inoltre,sarà possibile ammirare alcune “aie” utilizzate un tempo per la trebbiatura, ovvero la battitura del grano e del frumento, testimonianze storiche di una cultura contadina e agricola ormai dismessa.

Continuando il cammino all’ interno di questo habitat di tipo prateria si attraverserà la località Spromonte, presso la contrada Armà, per poi procedere verso la collina del Calvario, costeggiando quel che resta della storica torre di avvistamento di Melito del XV sec. per giungere infine al caratteristico Paese Vecchio, la parte più antica dell’odierna cittadina melitese.

Una volta giunti nella piazza del Paese Vecchio si potrà consumare il pranzo presso la rinomata Trattoria “Turioleddu” di Giuseppe Toscano, dove sarà possibile gustare un menù a base di piatti tipici della cucina calabrese al prezzo di €15,00 (obbligatoria la prenotazione).

Al termine del pranzo l’Associazione Culturale “Melito Vecchia” avrà il piacere di guidarci per una breve passeggiata all’ interno dei suggestivi vicoli del Paese Vecchio, alla scoperta di scorci urbani pittoreschi e colorati murales.

 

PROGRAMMA:

ORE 08:30 raduno dei partecipanti all’entrata di Melito di Porto Salvo presso il supermercato Ard Discount (ex Spaccio Alimentare) di fronte la rotatoria lungo la SS106;

ORE 09:00 Sistemazione delle auto (parcheggio presso il Paese Vecchio) e inizio escursione;

ORE 13:00/14:00 pranzo presso la Trattoria “Turioleddu”;

ORE 15:00 Visita guidata al Paese Vecchio con l’Associazione Culturale “Melito Vecchia;

Ore 16:30 Saluti e termine dell’escursione.

 

SCHEDA TECNICA

Tipo di Escursione: E (Escursionistica)
Grado di difficoltà: Media
Terreno: per lo più sterrato
Lunghezza: 7,60 km (A/R)
Dislivello: 451 mt
Tempi di percorrenza: circa 4 ore
Acqua potabile: NO
Numero massimo di partecipanti: 25
Quota di partecipazione: 5€
Quota Pranzo: 15€ (facoltativo)

MAPPA DEL PERCORSO:

ATTREZZATURA CONSIGLIATA:

Abbigliamento comodo e adatto al periodo, Scorta d’acqua (almeno 1,5lt), Scarpe da Trekking, Cappellino, occhiali da sole,  K-way, impermeabile, eventuali indumenti di ricambio, bastoncini da trekk (facoltativi), macchina fotografica o smartphone!

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA!!!

ENTRO E NON OLTRE IL 20 Settembre  TELEFONARE AL NUMERO 347-0844564 (NO MESSAGGI)

 

N.B.

L’ESCURSIONE NON PREVEDE ALCUN TIPO DI COPERTURA ASSICURATIVA, I PARTECIPANTI SOLLEVANDO L’ORGANIZZAZIONE DA OGNI RESPONSABILITA’  CIVILE O PENALE CHE POSSA DERIVARE DA EVENTUALI INFORTUNI DURANTE LA GIORNATA.

Precedente Domenica 29 Settembre "La via dei borghi" a Palizzi ! Successivo Domenica 13 Ottobre torna il Trekking "Uniti per la Solidarietà in memoria di Elita"